L’invasione delle oche selvatiche: in 10 mila arrivate dalla Russia

CAORLE – Migliaia di oche dalla Russia tra i campi della Brussa di Caorle. Sono quasi 10 mila gli uccelli selvatici che hanno trovato un rifugio tra le campagne di Villaviera, tra la Brussa di Caorle e Sindacale di Concordia Sagittaria. Uno spettacolo unico che da circa 10 anni si ripete costantemente. Non appena infatti il freddo si fa pungente in Russia, le oche iniziano il volo verso l’Italia. Hanno infatti trovato l’oasi naturalistica di Valle Zignago per passare i mesi più freddi. Alcune delle oche hanno iniziato a nidificare nella zona mentre altre continuano ad attraversare l’Europa tra i mesi di novembre e di marzo quando ritornano verso est. Spettacolare il sorvolo della zona all’imbrunire quando gli storni di oche selvatiche tornano nella valle Zignago.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.