La vita interiore dei cani: cosa pensano davvero i nostri amici cani dell’amore, della lussuria e delle risate

Vista laterale del cane di razza mista

Sono compagni fantastici, ma i cani provano davvero empatia per gli umani e cosa passa loro per la testa quando giocano, si fanno prendere dal panico o attaccano?

IOÈ la grande frustrazione dell’umanità guardare negli occhi un cane, sentirsi così vicino alla creatura e tuttavia non avere idea di cosa stia pensando. È come la prima domanda che fai a un bambino appena nato, con tutta quell’urgenza dolorosa e amorevole: è un primo sorriso? O ancora più vento? Tranne che è così per sempre.

Non posso mai sapere cosa stia pensando il mio staff. Romeo si rende conto che quello che ha appena fatto è stato divertente e lo ha fatto apposta? Sta ridendo dentro? Può sorridere? Può sentirsi in ansia per il futuro? Riuscirà a ricordare la vita da cucciolo? Ha ancora il clacson, anche se gli ho tolto le mutande qualche anno fa? E, più di tutte queste cose: mi ama? Voglio dire, mi ami davvero, nel modo in cui amo lui?

Per ottenere alcune risposte, ho arruolato un gruppo di esperti, che vanno da uno zoologo a un antropologo evoluzionista, e ho incanalato lo spirito di Jaak Panksepp, che è comunemente riconosciuto come il nonno delle neuroscienze canine. È morto nel 2017, lasciando dietro di sé un corpo di ricerche sperimentali e intuizioni, inclusa la teoria che tutti i cervelli dei mammiferi condividano sette sistemi emotivi primari: paura, rabbia, lussuria, “ricerca”, panico/dolore, cura e gioco. La maggior parte delle mie domande rientra in queste categorie, a parte l’annoso enigma: perché il mio cane si eccita così tanto per i cordini ad alta visibilità? A cui la risposta è: potrebbe essere qualsiasi ragione.

Giocare a

I cani capiscono la risata umana? Ti fanno ridere apposta?
“I cani sembrano rispondere positivamente alle nostre emozioni positive, come risate e sorrisi”, afferma il dottor Brian Hare, antropologo evoluzionista e autore di The Genius of Dogs . Ma è cauto sull’interpretazione. “Se capiscono il motivo dietro lo scherzo, è più difficile da dire.”

“I cani hanno imparato a piacerci che ridiamo”, afferma Rob Alleyne, un comportamentista apparso nella serie TV Dog Borstal . “Faranno qualcosa, poi ti guarderanno per vedere se sei divertito, poi lo ripeteranno.” Una volta ho chiesto al comico Rob Beckett come faceva a ricordare la sua routine – non prende quasi appunti – e lui ha detto: “Se 500 persone ridono di qualcosa che hai detto, non lo dimenticherai”. Lo stesso circuito di approvazione, creando sentimenti di gratificazione, stabilendo un ricordo di come suscitare quella risposta in futuro, si sta verificando in un cane. Non sarà solo un gioco di parole, sarà qualcosa di più slapstick.

I cani possono ridere e si fanno ridere a vicenda?
Uno dei filoni più famosi della ricerca di Panksepp esamina la risata nei mammiferi non umani (incluso un articolo dal titolo delizioso: Cinguettio a 50 kHz (risate?) in risposta alla ricompensa indotta dal solletico condizionato e incondizionato nei ratti). I cani, ha scoperto, possono sembrare che ridono quando ansimano , ma è perché lo sono: quando analizzi il pantalone con un sonografo, poi mappi la sua raffica di frequenze, quindi riproduci quelle frequenze ad altri cani, riduce lo stress e aumenta lo scodinzolamento della coda, il gioco di inchini (testa in basso, testa in aria), la faccia da gioco (conosci la faccia da gioco del tuo cane) e il comportamento pro-sociale in generale.

Può un cane sorridere?
Tutti i cani hanno un’espressione di piacere o contentezza, che riconoscerai quando conoscerai un particolare animale. Tuttavia, i proprietari di alcune razze credono che i loro cani siano più sorridenti della media e quindi più felici. Questo è sbagliato, dice Alleyne. “In genere, i cani con la faccia larga – staff, rottweiler – sembrano sogghignare. La stessa espressione di un pastore tedesco sembrerà che stia arricciando le labbra all’indietro”.

Cura

Il mio cane mi ama?
Molti anni fa c’era un segmento su Kilroy, il programma televisivo diurno, chiamato “Amo il mio animale ma il mio animale mi ama?” Alleyne è apparso su di esso e ricorda: “Alla fine il pubblico era pronto con una forca per me. Perché credo che nessun animale ci ami. Fanno cose che interpretiamo come amore, ma non ne hanno la capacità, non il modo in cui lo intendiamo. Ecco perché possiamo riportarli a casa. Non potevo allontanarti dal tuo partner e dire: “Ho un amico che è molto più adatto a te”. Se invece prendessi Romeo e lo dessi a qualcun altro, tre mesi dopo, quello sarebbe il suo proprietario». Un punto a favore, ma se Romeo morisse, tre mesi dopo, probabilmente avrei un nuovo cane. Quindi cosa succede se ci amiamo l’un l’altro esattamente la stessa quantità? E se l’insostituibilità non fosse la misura, nelle relazioni interspecie?

Sintonizzare noi stessi con i desideri di un’altra specie ha un profondo impatto sulla nostra cognizione, secondo la filosofa Donna Haraway

Se non è amore, perché è così bello?
“Sei decisamente più di un distributore di cibo”, dice Hare. “I genitori e i loro bambini hanno un ciclo di ossitocina, dove possono sentirsi bene l’un l’altro semplicemente guardandosi negli occhi. In qualche modo, i cani si sono inseriti in questo circuito, in modo che quando cani e proprietari si fissano l’un l’altro, aumenta l’ossitocina sia nel cane che nel proprietario .

Cosa diavolo ci fa un cane nel mio ciclo di ossitocina?
La moderna comprensione dell’addomesticamento canino – illustrata appieno in The Genius of Dogs di Hare e nel libro che ha scritto insieme a Vanessa Woods, Survival of the Friendly – è che la selezione per l’amicizia ha portato all’evoluzione di una nuova cognizione nei cani . Hanno acquisito una comprensione sociale di ciò che gli umani volevano e volevano, nei loro gesti e comandi, e il beneficio per i cani è evidente: riparo, nutrizione e quant’altro. Ma la filosofa Donna Haraway sostiene, in Companion Species Manifesto: Dogs, People and Significant Otherness, che sintonizzarci con i desideri di un’altra specie ha un profondo impatto sulla nostra cognizione. Non si tratta davvero di cosa sta succedendo nella testa del tuo cane. È solo interessante.

Il mio cane può entrare in empatia?
Nessun esperto in vita può dirti che il tuo cane non sa quando sei triste . Alleyne, che, come puoi vedere, è piuttosto duro, ricorda: “Molti anni fa avevo un cane che mi riconosceva quando ero a terra. Teneva la testa sul mio ginocchio per un’ora, dicendo: ‘Capisco’”. Possono anche dire, a volte, quando hai il cancro o, più recentemente, il Covid, ma si tratta più di biorilevazione che di intimità.

Una semplice misura di empatia è lo sbadiglio. “Lo sbadiglio contagioso è correlato ai punteggi di empatia negli adulti”, spiega Hare. “E in uno studio, oltre il 70% dei cani ha sbadigliato quando ha visto qualcuno sbadigliare”.

Paura, panico e dolore

Perché i cani soffrono di ansia da separazione?
A rigor di termini, la maggior parte di loro non lo fa, secondo Petrina Firth, direttore della società The Pet Coach e specialista in questa condizione. Dice di aver incontrato solo un cane nella sua carriera con ansia da separazione clinica: un attaccamento eccessivo a una persona. Ciò che le persone generalmente intendono con il termine nei cani – comportamento distruttivo, ululare per ore, a volte mordicchiare le caviglie quando vengono indossate le scarpe del proprietario, sdraiarsi davanti alla porta – è “angoscia da isolamento”, generalmente stabilito nell’infanzia. Il tuo cane non si sente al sicuro da solo e farà di tutto per evitare quella sensazione amorfa di pericolo. “Non vengono pre-programmati”, spiega Firth. “Quando esci da Marks & Spencer, non sanno che tornerai tra un’ora. Ci vuole un bel po’ di allenamento da quando sono un cucciolo per insegnare loro che stare da soli va bene, non succede niente di male. Non succederà niente di straordinario, ma niente di male”.

Come fanno a sapere quanto tempo sei stato via? I cani hanno il senso del tempo?
Se dai da mangiare al tuo cane alla stessa ora ogni giorno, il suo sistema digestivo si adatterà per aspettarsi il cibo in quel momento e, sorprendentemente, può essere preciso al minuto. Lo stesso vale per i gatti .

Ma un cane che può essere lasciato per 40 minuti, ma che impazzisce dopo 45 minuti, di che si tratta? La migliore teoria attuale è che il tuo profumo nell’aria si ritiri minuziosamente nel tempo. Ogni volta che stai cercando di capire un comportamento correlato all’odore, ricorda che gli umani possono sentire l’odore di un cucchiaio di zucchero in una tazza di tè, mentre un cane può sentire l’odore di un cucchiaio di zucchero in una piscina.

Qual è la differenza tra angoscia e ansia?
Questo è principalmente per lo sviluppo: un cane giovane sperimenterà angoscia nel momento: “Sono da solo e non mi piace”. Quando invecchia, dice Firth, “comincerà a preoccuparsi che avrà quella sensazione orribile – preoccuparsi di preoccuparsi, che è essenzialmente l’ansia. E ci sono molti spunti nell’ambiente, come gli umani che trovano le chiavi, per farli esplodere”.

Un cane può ricordare eventi negativi? Può ottenere PTSD?
Le prime esperienze avverse possono certamente influenzare il comportamento successivo di un cane, sebbene la memoria a lungo termine non sia sufficientemente compresa per consentirci di sapere se possono ricordarli. I cani guida di ritorno dalle zone di guerra presentano sintomi molto simili alla risposta al trauma nei soldati.

Lussuria

Un cane sterilizzato ha ancora voglia di sesso?
Sembra una di quelle cose che gli umani dovrebbero capire prima di fare il colpo. Eppure a quanto pare non lo facciamo. “È una domanda complessa, senza una risposta facile”, afferma la zoologa Naomi Harvey. “Può dipendere dai tempi della sterilizzazione. L’espressione del comportamento riproduttivo richiede ormoni gonadici e l’assenza di questi ormoni durante lo sviluppo del cervello puberale può compromettere il comportamento riproduttivo a lungo termine”. Ci si aspetterebbe che entrambi i sessi abbiano un impulso ridotto se sterilizzati prima della pubertà, quindi, tuttavia, uno studio sui cani maschi in libertà in Cile ha scoperto che i cani castrati non hanno mostrato alcuna riduzione dell’attività sessuale.

Rabbia

Qual è la causa principale dell’aggressività?
I cani hanno il nostro stesso sistema limbico, che manifestano quelle che erano le due F e ora sono intese come quattro: sotto minaccia, entreranno in modalità lotta, fuga, cerbiatto o congelamento. (Gli esseri umani hanno un altro percorso verso la violenza, che è l’umiliazione, ma un cane non può essere umiliato. “Hanno la complessità emotiva di un bambino di due o tre anni”, spiega Firth, “quindi non si sentono in colpa e non provano vergogna.”)

Gli attacchi sono radicati nella paura e “uno dei motivi per cui le persone vengono spesso morse”, dice Alleyne, è che interpretano male i segni della paura. “Un cane che ansima potrebbe essere solo caldo o potrebbe essere stressato. Un cane con “occhio di balena” [dove i bianchi sono chiaramente visibili] potrebbe essere stressato o potrebbe guardare qualcosa alla sua periferia. Devi essere in grado di guardare il quadro generale. Se ha l’occhio di balena, e sta ansimando, e la sua coda è abbassata, e le sue orecchie sono indietro, allora passa dall’ansimare al leccarsi le labbra, devi essere in grado di mettere insieme tutte queste cose”. E mantieni le distanze.

Perché alcuni cani attaccano gli altri senza una ragione apparente?
Hare consiglia, come fa Alleyne, di leggerlo bene. “Alcuni cani sono xenofobi, il che significa che non amano gli estranei. Quindi solo incontrare uno strano cane potrebbe creare abbastanza paura da fargli sentire come se avesse bisogno di proteggersi. Molta aggressività dei cani è spiegabile se hai una buona comprensione della storia naturale, del linguaggio del corpo e del comportamento dei cani.

La spiegazione di Alleyne è più controversa: “L’aggressività è di gran lunga il problema più comune che vedo, cosa che non era 20 anni fa. Siamo stati vittime di bullismo e indotti a socializzare i nostri cani. Sono diventati aggressivi l’uno verso l’altro quando non abbiamo mai cercato di socializzare con più forza. Non abbiamo pensato a cosa sia socializzare: quello che stiamo facendo davvero è permettere che vengano picchiati da altri cani quando sono troppo piccoli per proteggersi. Lo chiamiamo apprendimento a prova unica: basta un singolo incidente perché un cucciolo impari che gli altri cani sono una minaccia”.

Cercando

Perché cercano? Cosa stanno cercando?
In sostanza, i cani non vogliono più del neozelandese medio, come dicono i politici: un posto dove vivere, qualcosa da fare, qualcuno da amare, qualcosa in cui sperare, tranne che senza la speranza, senza un vero concetto del futuro. Ma secoli di interazione con gli umani hanno dato loro desideri intensi e specifici per razza. Prendi il cane del momento, il cockapoo: “La gente non si rende conto che la miscela è di due cani da lavoro”, dice Firth. “Quindi, anche se hai il cocker da spettacolo più carino e il barboncino da spettacolo più carino, nei loro geni sono destinati a essere fuori a recuperare.”

Non sto cercando di far vergognare i proprietari di cockapoo, a proposito: ho sempre avuto personale, e sono costantemente stupito e sgomento nello scoprire che un cane allevato per abbattere un toro, in assenza di uno, si accontenta con un labrador. Abbiamo insegnato loro, nel corso delle generazioni, questi impulsi irremovibili. Ora sono qui per insegnarci causa ed effetto, se solo ascoltassimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.