Puma,linci e pantere:i grandi felini vagano davvero per le campagne inglesi?

FILE: Black panther, 2020

FILE: Black panther, 2020   –  Diritti d’autore  AFP

Di David Mac Dougall  •   24/05/2023 – 12:48

Nuove prove fornite dal Dna suggeriscono che ci sono potenzialmente centinaia di predatori apicali nel Regno Unito

Guidando tra gli altopiani scozzesi all’inizio di maggio, la turista Lottie Hodson è sobbalzata quando ha intravisto un’elegante macchia nera al limite del bosco.

Allertando suo fratello, ha fermato l’auto per cercare invano di vedere meglio: “Ho indicato fuori dal finestrino e ho detto ‘ferma la macchina, c’è una pantera!’ – racconta Lottie a Euronews Green – alcune persone hanno detto che avrebbe potuto essere un ‘kellas’, ma qualunque cosa fosse è stata molto bella da vedere”.

I gatti Kellas, identificati solo nel 1984, sono un incrocio tra il gatto selvatico scozzese, originario delle Highlands scozzesi, e un gatto domestico: di solito, sono neri con una lunga coda e molto più grandi di un soriano medio.

Tuttavia, gli esperti ritengono che ciò che Lottie ha visto potrebbe benissimo essere una pantera nera del genere Panthera pardus, nata allo stato selvatico e che vive libera, ma riservata e quasi invisibile al pubblico.

Nuove prove rivelano che i grandi felini potrebbero essere in libertà: campioni di peli prelevati da un recinto di filo spinato in prossimità di una pecora morta nel sud dell’Inghilterra sono risultati positivi al Dna della pantera nera, dopo che la troupe di un reportage ha documentato il campione in laboratorio.

Damon Higgins/OUT MAZAINES, SALES TV

Oko, a black leopard owned by Steve Sipek of Loxahatchee, Fla.Damon Higgins/OUT MAZAINES, SALES TV

Cosa sono gli eventi di rilascio dei grandi felini?

Gli esperti ritengono che ci siano stati alcuni eventi di “rilascio” durante il secolo scorso, che hanno mantenuto in salute la popolazione di grandi felini britannici.

Il primo è stato durante la Seconda Guerra mondiale, quando gli zoo se ne sono sbarazzati perché non in grado di fornire loro una dieta rigorosa a base di carne.

Il secondo grande evento di rilascio è avvenuto dopo il 1976, quando una nuova legislazione ha reso illegale per i negozi britannici (come i grandi magazzini Harrods) vendere animali esotici.

Di conseguenza, le persone che non volevano rispettare nuove rigide regole per tenere i grandi felini nelle loro case li hanno liberati.

Probabilmente ci sono stati anche rilasci individuali nel corso degli anni, con animali tenuti come domestici o in zoo e circhi privati.

“Ci sono 40 specie di gatti selvatici in tutto, ma quelli che ci interessano nel Regno Unito sono quelli abbastanza grandi da uccidere un cervo: questo è il parametro quando valutiamo una fotografia o parliamo con un testimone, quella è la preda nel loro ecosistema”, spiega Rick Minter, esperto di grandi felini e biologo, che tiene traccia degli avvistamenti nel suo podcast.

Circa l’80% degli avvistamenti annuali di grandi felini nel Regno Unito è dato da animali simili alla pantera nera, un altro 15% riguarda puma marrone chiaro, leoni di montagna o puma “concolor”, con alcuni avvistamenti segnalati di lince.

Quanti grandi felini potrebbero esserci in giro e cosa mangiano?

Per avere una popolazione sana e consolidata di pantere nere o puma di colore marrone chiaro, gli esperti stimano che dovrebbero esserci almeno 300 esemplari di ogni animale sparsi in tutto il Regno Unito.

Nei loro territori nativi, le pantere nere potrebbero vagare sino a 50 km e, se ci fossero gruppi di femmine, i maschi passerebbero da un gruppo all’altro durante la stagione degli amori.

La loro principale fonte di cibo in loco sarebbe il cervo: infatti, ci sono circa due milioni di cerviche vagano per il Regno Unito.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.