L’ultima mamma tigre

Nella riserva indiana in cui viveva, la straordinariamente feconda Collarwali era una manna per la sua specie minacciata.

Illustrazione di una tigre

Di Susan Orlean

19 aprile 2022

A differenza della maggior parte delle madri tigre, Collarwali era, in effetti, una tigre. La sua vita (2005-2022) è stata caratterizzata dall’insolito. Era insolitamente grande per una femmina (così grande che gli osservatori spesso la scambiavano per un maschio e le altre tigri avevano paura di combattere con lei). Era insolitamente amichevole (le tigri sono solitarie e timide, ma Collarwali sembrava rilassato nell’avventurarsi vicino alle persone ed era spesso avvistata a piedi nella Riserva della Tigre di Pench, nel Madhya Pradesh, in India, dove viveva). In particolare, era insolitamente fertile: ha dato alla luce ventinove cuccioli nella sua vita, che rappresentano quasi l’uno per cento di tutte le tigri in India, secondo le stime del 2018. Era anche insolitamente famosa. Sua madre, Badi Mata, è stata oggetto del popolare documentario della BBC “Tiger: Spy in the Jungle”, del 2008. Con la narrazione diDavid Attenborough , il documentario ha seguito la vita di Badi Mata e della sua cucciolata di quattro cuccioli, uno dei quali era Collarwali. Dopo questo celebre inizio, Collarwali visse un tempo insolitamente lungo (la durata media della vita della tigre è di quindici anni, che ha migliorato di quasi due). Quando è morta, a gennaio, giaceva nello stato su una pira cosparsa di fiori e al suo funerale ha partecipato una folla tra cui il ministro della foresta del Madhya Pradesh, il dottor Kunwar Vijay Shah, e un certo numero di altri funzionari del governo. Il lutto era diffuso. La gigantesca azienda lattiero-casearia Amul ha pubblicato un tributo a cartoni animati color seppia con la didascalia “Ha guadagnato le sue strisce!” In una dichiarazione pubblica, il Dipartimento statale delle foreste ha osservato che Collarwali aveva dato un “contributo indimenticabile” alle tigri nel Madhya Pradesh.

Collarwali era formalmente conosciuto, meno poeticamente, come T-15. Suo padre, T-1, conosciuto più familiarmente come il Caricatore di Pench, o semplicemente vecchio Caricatore, era un grosso maschio con i denti con un debole per correre a tutta velocità contro gli elefanti. La famiglia viveva in una foresta di tek che è uno dei pochi habitat protetti di tigri sulla terra. (Ad essere onesti, Charger è passato solo occasionalmente; i compiti genitoriali erano gestiti quasi esclusivamente da Badi Mata.) Secondo l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), le tigri selvatiche ora occupano meno del dieci per cento dell’area in cui usato per spaziare. Il loro numero a livello globale è sceso da circa centomila, nel 1910, a circa trentanovecento, nel 2021, a causa del bracconaggio, della caccia e della perdita di habitat, e sono scomparsi del tutto da molte aree. Le tigri sono elencate come in via di estinzione su IUCN

Badi Mata era una madre eccellente, severa con le lezioni, ma tollerante nei confronti dei comportamenti stupidi dei cuccioli, come uccidere i pangolini. (Hanno un odore terribile; nessuna tigre che si rispetti li mangia; non ha senso ucciderli.) Come previsto, i cuccioli se ne andarono di casa quando avevano circa due anni. Il T-15 ha aperto un negozio non lontano da sua madre. Nel 2008, è stata la prima tigre a Pench ad essere dotata di un radiocollare, da cui il suo soprannome Collarwali, che in hindi significa “portatore di collare”.

Nello stesso anno, Collarwali diede alla luce la sua prima cucciolata, ma armeggiava come una nuova madre e tutti i suoi cuccioli morirono di polmonite. Col tempo, tuttavia, sviluppò serie capacità di maternità e le sue successive cucciolate fiorirono. Nel 2010 ha dato alla luce una mega cucciolata di cinque cuccioli. Le cucciolate di tigre sono generalmente di tre o quattro dimensioni e la metà di tutti i cuccioli nati muore nel primo anno di vita; allevare ben cinque cuccioli è di classe mondiale. Collarwali era un tipo di madre dall’amore duro, che lasciava che i suoi cuccioli iniziassero a cacciare prima di una specie di tigre più elicotterista. La sua metodologia ha avuto un tale successo che i suoi cuccioli non solo hanno superato i risultati, ma sono anche rimasti in contatto con lei dopo che si sono trasferiti, cosa che si dice sia rara nel mondo delle tigri.

Le tigri sono l’animale nazionale dell’India e, nel 1973, è stato lanciato uno sforzo di conservazione chiamato Project Tiger per cercare di stabilizzare la loro popolazione in declino. Le tigri con voglia di viaggiare che lasciano le aree protette a volte vengono uccise dagli agricoltori (e gli agricoltori a volte vengono uccisi dalle tigri). La sorella di Collarwali, insieme a due dei suoi cuccioli, è morta nel 2016, dopo aver bevuto acqua avvelenata. (Cinque uomini, tra cui una guardia forestale, sono stati arrestati in relazione all’avvelenamento.) Il mercato delle parti di tigre, che si ritiene abbiano benefici per la salute, compresi gli afrodisiaci, continua a prosperare. Tuttavia, gli sforzi di conservazione, insieme alla fecondità di Collarwali, hanno fatto la differenza e la popolazione di tigri dell’India sta lentamente aumentando. Guarda caso, quello di Collarwali non è stato l’unico funerale di animali recente nel Madhya Pradesh. In dicembre, una scimmia langur che visitava frequentemente il villaggio di Dalupura morì di esposizione al freddo e fu mandata al suo eterno riposo da una folla di circa millecinquecento persone. I langur sono relativamente comuni in tutta l’India, ma sono considerati sacri nell’induismo. L’evento, che comprendeva una processione e una festa, ha violato quello dell’Indiarestrizioni covid sugli assembramenti pubblici e almeno due persone sono state arrestate.

Al funerale di Collarwali, dopo la sua morte per cause naturali, è stato osservato il distanziamento sociale, ma l’occasione è stata ugualmente commovente. L’enorme tigre era ricoperta di garofani gialli, arancioni e bianchi e avvolta di bianco, tranne che per la sua magnifica testa. Una fila di persone in lutto si è avvicinata alla pira di legno una per una e le ha offerto dei fiori prima che fosse cremata. La notevole fecondità di Collarwali ha aumentato il rischio di consanguineità dei suoi cuccioli, ma, a conti fatti, la sua maternità è stata nettamente positiva e la sua perdita una tragedia. Dopo il funerale, il primo ministro dello Stato ha scritto su Twitter che “le foreste del Madhya Pradesh risuoneranno sempre del ruggito dei cuccioli della ‘Regina’ della Pench Tiger Reserve”.

FONTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.