Blastomicosi: Cosa È, Come Si Cura e Come Si Previene

Questo articolo è stato pubblicato da Matea.

La blastomicosi è un’infezione fungina sistemica causata dal Blastomyces dermatitidis, un organismo che cresce nel legno in decomposizione e nel terreno umido. Il fungo prospera in ambienti umidi come paludi, laghi e sulle sponde dei fiumi dove il terreno umido e la mancanza di luce solare diretta ne favoriscono la crescita. Secondo il veterinario Dr. Nikki Wills di Kronenwetter Veterinary Care, I giusti tipi di terreno e le giuste temperature, favoriscono la proliferazione di questo fungo (3). Sfortunatamente, non c’è modo di testare il terreno per il fungo, perché cresce sporadicamente. “Il fungo cresce nel terreno e quindi le spore si diffondono tranquillamente, e se i cani inalano le spore, allora entrano nei polmoni e crescono causando una polmonite fungina”, ha spiegato il dottor Wills. Il fungo si trova anche in luoghi che ospitano materia organica in decomposizione come aree boschive, foreste e fattorie (1). Le infezioni da blastomicosi sono prevalenti in località vicino all’acqua: fiumi, laghi in particolare. L’infezione si osserva più spesso nei cani maschi di taglia grande, e specialmente nei cani da caccia, nelle razze sportive e nei cani che trascorrono molto tempo in ambienti in cui esiste l’organismo blastomyces. Gli studi indicano che la maggior parte dei cani che sviluppano un’infezione vivono entro un quarto di miglio da uno specchio d’acqua. Tutti i cani sono suscettibili e, occasionalmente, anche i gatti contraggono l’infezione.

Blastomicosi Umana

Il fungo rilascia spore nell’aria e nell’ambiente, che possono essere inalate da persone e animali. Questo è il metodo di trasmissione più frequente, sebbene le spore possano entrare nel corpo anche attraverso la pelle. Infatti, solo scavando nel terreno si può venire a contatto diretto con le spore. Una volta inalate, viaggiano attraverso i polmoni e diventano organismi grandi, dalle pareti spesse, simili a lieviti che si moltiplicano all’interno dei polmoni e di altri tessuti del corpo. Blasto è un patogeno dimorfico, il che significa che si presenta in due forme distinte: cresce come muffa nell’ambiente e come lievito nei tessuti. La blastomicosi può potenzialmente causare malattie polmonari significative (2). Il lievito tende anche a viaggiare in altre parti del corpo, in particolare la pelle, gli occhi e le articolazioni. Se il tuo cane ha un’infezione da blastomicosi, non può infettare direttamente altri membri della famiglia: che siano umani o animali domestici. Tuttavia, è necessario prestare attenzione quando si maneggiano le secrezioni. Ad esempio, nelle lesioni drenanti, dovresti usare guanti protettivi e lavarti accuratamente le mani dopo aver avuto contatto con le piaghe del tuo amico a quattro zampe. Non è necessario isolare gli animali infetti dagli altri membri della famiglia.

Nasce “Per sempre Amici”, il primo cimitero pubblico per gli amici a quattro zampe


Dopo il grande successo del Fido Custode, il più grande cimitero per animali d’affezione d’Europa, nel parco sud di Milano, ora nasce a San Giulino Milanese “Per Sempre Amici” il primo cimitero Pubblico Comunale per animali d’affezione 
(25-05-2022) Un luogo di silenzio e riflessione, dove ricordare gli animali d’affezione che ci hanno lasciato. È composto da 222 spazi per le inumazioni il cimitero degli animali Per sempre amici, opera voluta dal Comune e realizzata da Asf, l’Azienda speciale delle farmacie. Il nuovo spazio tra la via Emilia e via Brigate Partigiane, accanto al già esistente cimitero, è stato inaugurato nella mattinata di ieri dal sindaco Marco Segala, dall’assessore ai Diritti degli animali Maria Grazia Ravara e dal direttore di Asf Cristiano Canova. Presente Gianluca Comazzi, capogruppo di FI in Regione Lombardia.A.Z.

La gestione dei servizi è stata affidata al ILFIDOCUSTODE.it , azienda esperta e leder nella gestione di Cimiteri per Animali d’affezione e cremazioni, dove oltre a quello di San Giuliano Milanese, è proprietaria del cimitero a Milano in via Caio Mario, aperto ormai da 5 anni

Un altro cane delle Fiandre

Lo Schipperke ha un atteggiamento da cane grande in un pacchetto da cane piccoloDI MJ NELSON

Sebbene la razza ritratta nella versione cinematografica belga dello strappalacrime di Marie Louise de la Ramée del 1872 “A Dog of Flanders” sia un Bouvier, c’è un’altra razza delle Fiandre che avrebbe potuto benissimo essere Patrasche. 

Leale, affettuoso e protettivo nei confronti della sua famiglia, uno Schipperke avrebbe potuto fare un lavoro altrettanto buono se non migliore nel prendersi cura del giovane protagonista del romanzo, Nello. Sebbene a 16 libbre, lo Schip potrebbe non essere stata la scelta migliore come cane da tiro per trasportare il latte del ragazzo ai suoi clienti. 

Lo Schipperke è un’antica razza, molto probabilmente risalente al XV secolo. Anche se nessuno sa davvero come o da quali razze potrebbe essersi sviluppato lo Schipperke, la teoria generalmente accettata è che la razza sia iniziata con il Leauvenaar, un pastore belga ormai estinto. Nel 14° secolo, il Belgio era governato dalla Francia, che, a sua volta, era governata dalla Casa di Borbone, la fonte della stirpe piuttosto lunga dei re Luigi di Francia. Durante il regno dei Borboni solo l’aristocrazia poteva possedere cani di grossa taglia. Di conseguenza, i piccoli cani da pastore, uno dei quali è lo Schipperke, sono stati sviluppati per fare tutto ciò che potevano fare i cani di grossa taglia, ma erano principalmente tenuti dalle famiglie come compagni, per cacciare i parassiti e anche per tendere il gregge.

Sebbene questa sia una razza ad alta energia, con l’allenatore giusto possono fare con successo più sport, afferma Deb Bruner. 

“Adoro il loro aspetto, il loro mantello, la loro taglia, la loro facilità di manutenzione e la loro intelligenza. Amo anche la loro sicurezza e indipendenza così come la loro curiosità. Sono animali fantastici e molto divertenti”, afferma Bruner, il cui attuale capo è Schipperke Blitzen (MBISS GCh CAN Ch AGCH PACH6 Willow’s Who Will Stop The Rain? RA FDC MXP18 MXPG2 PDSP MJP18 MJPG2 PJSP PAX6 MFPB2 TQXP T2BP8 BCAT RATO NATCH, V- NATCH AA-NATCH TL-1 UL-2). “Ma i miei Schips sono molto ben socializzati e i buoni temperamenti sono qualcosa che gli allevatori di questi tempi allevano e per cui lottano”.

Tuttavia, Bruner aggiunge che “ai vecchi tempi”, le è stato detto che non era sempre così. 

“Ho scoperto che l’uso di metodi di allenamento che utilizzano un po’ di adescamento e modellatura funziona bene per Schips. Mostra loro un po’ cosa vuoi e poi vedi se offrono il tipo di comportamento che li porterà sulla strada che desideri”, suggerisce Bruner, che possiede sette Schipperke in tutto, con un pensionato e gli altri sei , alcuni dei quali sono salvataggi, praticando sport di prestazione. “Come nel caso di molte razze ‘indipendenti’, lasciare loro pensare che quello che vuoi che facciano è tutta la loro idea per uno Schip felice e addestrabile”.

Cane salvato dall’annegamento con una salsiccia penzolava da un drone

£ 50 Un amato cane si è finalmente riunito alla sua famiglia dopo una massiccia ricerca che ha coinvolto polizia, guardie costiere e un paio di droni che penzolano salsicce.  Come parte dell'operazione di quattro giorni, i ricercatori disperati sono ricorsi ad attaccare lo snack salato preferito di Millie il Jack Russell ai droni e farli volare su distese di fango nel tentativo di attirarla in salvo.  Deve accreditare DDSAR/Solent
Un residente locale ha cucinato la salsiccia, che proveniva da Aldi, affinché il pilota del drone la usasse per aiutare il cane a mettersi in salvo. 
Pic: DDSAR/Solent

Il Jack Russell terrier rischiava di essere sopraffatto dall’aumento delle maree quando è stato trovato arenato su una pianura fangosa ad Havant. Il cane, chiamato Millie, era scomparso dopo aver perso il guinzaglio ed era in fuga per quattro giorni.

Un cane nell’Hampshire è stato salvato dall’aumento delle maree con una salsiccia attaccata a un drone.

Il Jack Russell terrier, chiamato Millie, è scomparso dopo aver perso la sua posizione in Havant, ha riferito The Guardian.

È stata trovata bloccata su distese fangose ​​vicino a Portsmouth, con l’aumento delle maree che minacciavano di portarla in mare, spingendo uno sforzo di salvataggio per entrare in azione.

La polizia, i vigili del fuoco e le guardie costiere hanno cercato instancabilmente per quattro giorni di salvarla, ma sono rimasti a grattarsi la testa quando nemmeno il kayak da lei avrebbe funzionato.

Le possibilità che Millie si riunisse al suo proprietario sembravano sempre più improbabili, quando un soccorritore ebbe l’idea di attaccare una salsiccia a un drone con la speranza di portarla in salvo.

Il presidente del team di ricerca e salvataggio dei droni di Denmead, Chris Taylor, ha dichiarato a The Guardian: “E’ stata un’idea pazzesca.

“Uno dei residenti locali sulla spiaggia da cui stavamo volando ci ha fornito le salsicce – penso fossero di Aldi. La donna le ha cucinate per noi e le abbiamo attaccate con uno spago”.

Una voce per i cani quando mamma e papà si separano

Matthew Cooper, un giudice del tribunale matrimoniale di New York, esamina i suoi casi storici sui cani (inclusa una decisione che cita Lassie) dopo l’approvazione di una legge di New York che consente al tribunale di considerare il benessere degli animali domestici nei procedimenti di divorzio

due persone che litigano per un cane, ciascuna tirando al guinzaglio il cane
tutti lo vogliono…. ma lui che pensa?

Matthew Cooper sa molto di risentimento e rabbia. Lo saresti anche tu, se fossi stato giudice nel tribunale matrimoniale di New York negli ultimi tredici anni. Cooper, che si ritirerà dalla panchina il prossimo mese, sa qualcosa anche sui cani. Il suo stesso cane, Sophie, un mix di pitbull di salvataggio con un mantello rossastro, a volte entra in quella che Cooper chiama “modalità Joe Pesci completa”: “Si trasforma da un bellissimo animale amorevole a un pitbull ringhiante”. La scorsa settimana, seduto all’Hudson River Park con Sophie al suo fianco, ha preso in considerazione la nuova legge statale sulla custodia degli animali domestici, che il governatore Kathy Hochul aveva appena firmato. La legge consente ai giudici di considerare il miglior interesse dell’animale nei casi di divorzio che coinvolgono un animale domestico. In precedenza, New York trattava gli animali come proprietà da distribuire equamente, insieme ad automobili, cristalli e altri detriti matrimoniali.

Cooper, un amante dei cani, ha deciso un caso del 2013, che coinvolgeva un bassotto in miniatura di nome Joey, che è servito da modello per la nuova legge. In una carriera in cui ha presieduto migliaia di divorzi (tra cui quello di Robert De Niro e Richard Gere), questo è stato un momento clou.

“Per un po’, molte controversie sugli animali domestici sembravano coinvolgere gli Yorkies”, ha detto Cooper. “Va per fasi. Ora le controversie tendono a coinvolgere una qualche forma di Doodle”. Il suo primo caso di custodia di animali domestici (“estremamente controverso”) riguardava un Labrador retriever di nome Otis. “L’ex moglie ha affermato che il suo ex marito aveva preso Otis e si era rifiutato di farglielo vedere, e mi ha chiesto di concederle la piena custodia”, ha detto Cooper. Un certo numero di dipendenti nella camera di Cooper erano altri appassionati di cani e hanno approfondito la questione di Otis. (Un impiegato aveva un pitbull a tre zampe di nome Prince. “Sono sbalordito da quanti cani a tre zampe ci sono”, ha detto Cooper.) Ha ricordato di aver considerato attentamente la domanda se un cane è più simile a una lampada o a un essere umano essendo. (Otis morì prima che il caso fosse deciso.)

Quando Joey si presentò in un procedimento di divorzio pochi mesi dopo, Cooper era pronto. In un’opinione costellata di riferimenti a Homer, Lassie e al cane dei Jetson, Astro, ha esposto la storia della giurisprudenza canina a New York. Statistiche rilevanti: il 76% dei proprietari di animali domestici si sente in colpa per aver lasciato i propri animali a casa; il quarantuno per cento porta i propri cani in vacanza con sé; il trentotto percento telefona ai propri animali domestici in modo che le creature possano sentire le voci dei loro umani. “La grande maggioranza dei proprietari di animali domestici intervistati ha affermato che non scambierebbe il proprio animale domestico per un milione di dollari”, ha detto Cooper. “Sono rimasto colpito da questo”.

Ha concluso che agli animali domestici dovrebbe essere assegnato uno status legale speciale, da qualche parte tra un pezzo di proprietà e un membro umano della famiglia. Nel caso di Joey, ha detto: “Ho ordinato un’udienza limitata di un giorno in cui le parti potrebbero presentare la loro causa”.

L’udienza non è mai avvenuta: Joey aveva trascorso il tempo da quando la coppia si era separata vivendo felicemente con la madre dell’imputato, nel Maine; la coppia ha deciso di far mentire i cani addormentati e ha abbandonato la questione. Ma la raccomandazione di Cooper ha preso piede e da allora ha guidato gli avvocati nei casi di custodia di animali domestici a New York. Jacqueline Newman, membro del foro matrimoniale, ha dichiarato: “Ha aperto l’idea che i giudici e la legge dovrebbero considerare gli animali non come beni mobili ma come esseri viventi che hanno interessi”.

Ma come fa un giudice a determinare il miglior interesse di un animale? Il giudice Judy una volta ha giudicato un caso di custodia di animali domestici ordinando a Baby Boy, un piccolo cane bianco, di entrare in aula; il cane si precipitò al fianco dell’attore. «È il suo cane», decretò il giudice Judy. “È tutto. Porta il cane a casa”.

Nel 2000, un tribunale di famiglia a San Diego ha ordinato che uno “studio sul legame” fosse condotto da un comportamentista animale per determinare il destino di Gigi, un mix di levriero-puntatore. Una mostra, offerta dagli avvocati della moglie, era un video intitolato “Un giorno nella vita di Gigi”. Ci vollero due anni e quasi centocinquantamila dollari di spese legali perché la moglie convincesse il tribunale che Gigi dovesse vivere con lei. (La California ora ha una legge sui “migliori interessi degli animali”.)

Cooper pensa che una parte della sua eredità potrebbe risvegliare la legge di New York alla vita interiore degli animali. “Ci sono cose peggiori”, ha detto. “Sempre che non apra un vaso di Pandora di udienze prolungate, procedimenti e testimonianze sui barboncini.”

“E sì, la mia decisione si è estesa ai gatti”, ha aggiunto, anche se, personalmente, trova difficile immaginare che qualcuno possa litigare per un gatto. “Non capisco nemmeno le persone che vogliono cani di piccola taglia”, ha detto. “Invece di quelli veri che possono inseguire scoiattoli o frisbee.” Il punto principale, per come la vede lui: “Le persone possono smettere di amare il proprio coniuge a un certo punto, ma non smettono mai di amare i propri cani”. ♦

Fitness canino per cani anziani

persona in piedi accanto al lago con un cane anziano

Come (in sicurezza) attivarsi con il tuo compagno anziano

La condivisione delle attività di fitness del cane è vantaggiosa per i cani di qualsiasi età, compresi i cani anziani. Se stai pensando di diventare più attivo con il tuo cane più anziano, o stai cercando modi per mantenerlo attivo, ecco alcune risposte utili alle domande sull’idoneità canina per cani di età pari o superiore a 7 anni. 

Cosa rende i cani anziani diversi dai cani più giovani? 

Quando i cani invecchiano, il loro metabolismo rallenta. Secondo il veterinario di Purina, la dott.ssa RuthAnn Lobos, anche la loro capacità di assumere le proteine ​​​​dal cibo e trasformarle in proteine ​​​​nel loro corpo diminuisce.  

Inoltre, i cani anziani possono sviluppare condizioni mediche che possono influenzare la capacità del tuo compagno anziano di impegnarsi in attività di fitness per cani a livelli più intensi.  

Cosa dovresti tenere a mente prima di iniziare una nuova attività con il tuo cane?

Il dottor Lobos dice: “Se qualcuno ha sessant’anni e non ha mai corso 10 km prima, iniziare domani e correre per cinque miglia probabilmente non è una buona idea”. Lo stesso consiglio vale per i cani anziani.  

Ecco perché è importante visitare il veterinario per determinare in modo realistico il livello di forma fisica del tuo cane prima di iniziare una nuova attività. Chiedi al tuo veterinario di includere un esame ortopedico per valutare le condizioni delle ginocchia, dei fianchi e dei gomiti del tuo cane.  

Se il tuo cane ha bisogno di aumentare il suo livello di forma fisica, inizia lentamente e costruisci gradualmente man mano che aumenta la sua forza e resistenza.  

Un’altra cosa da tenere a mente è che i cani anziani con uno stile di vita più attivo hanno bisogno di nutrizione per alimentare quelle attività. Per questo Pro Plan propone alla sua linea di formule Sport una formula Adulto 7+. Creata pensando ai cani anziani attivi, la formula Pro Plan Sport Adult 7+ fornisce glucosamina ed EPA per la salute e la mobilità delle articolazioni, insieme a un’alimentazione concentrata per una maggiore resistenza e nutrienti che supportano il cervello per aiutare a promuovere la salute cognitiva.  

Quali sono alcuni modi sicuri e divertenti per i cani più anziani e i loro proprietari per attivarsi insieme? 

Il dottor Lobos raccomanda passeggiate regolari per i cani anziani. “Il movimento è la lozione per le articolazioni”, dice, aggiungendo che camminare, anche solo lungo la strada e sul retro, aiuta con le articolazioni rigide e altro ancora. Portare il tuo cane fuori a guardare e annusare in giro fa bene anche alla stimolazione mentale.  

I cani anziani con un livello di forma fisica più elevato possono godersi escursioni casuali. Come con qualsiasi attività di fitness, osserva il tuo cane per i segnali che potrebbero indicare che è stanco o non si sente bene, così puoi dargli la possibilità di riposare.  

Il nuoto è un altro modo per aiutare il tuo cane anziano a godersi un’attività a basso impatto che è aerobica e aiuta con la mobilità articolare. Se questa è una nuova attività per il tuo cane, il dottor Lobos suggerisce di iniziare lentamente. All’inizio usa un giubbotto di salvataggio, finché non sai come reagisce il tuo cane all’acqua. Alcune comunità hanno centri fitness per cani con tapis roulant sottomarini, un modo perfetto per i cani anziani di godersi una passeggiata a basso impatto.  

Un’altra opzione che combina l’attività appropriata alla fase della vita e la socializzazione per i cani anziani è un gruppo di gioco specifico per l’età, che possono offrire gli asili nido locali per cani.  

In che modo una vita attiva avvantaggia i cani anziani?

I benefici delle attività fisiche per i cani anziani vanno oltre il fitness. Portare il tuo cane fuori per una passeggiata nel tuo quartiere o anche per un giro in macchina (che aiuta a coinvolgere i muscoli centrali per l’equilibrio) fornisce anche un cambio di scenario che lo coinvolge mentalmente e fisicamente.  

Inoltre, gli animali domestici anziani attivi hanno maggiori probabilità di mantenere una condizione corporea sana, che può tradursi in una vita più lunga e di migliore qualità. Altrettanto importante, ogni attività che vi piace insieme rafforza anche il legame permanente che condividete. 

FONTE

Tu sai parlando con me? I cani possono identificare lingue diverse, studiare reperti

La nostra Associazione ha bisogno di aiuto, fate una donazione di qualsiasi cifra tramite il link PayPal. Grazie

https://www.paypal.com/donate/?hosted_button_id=B9P5YHT6644D4

La ricercatrice post-dottorato Laura V. Cuaya gioca con il suo cane Kun-kun, un Border Collie di 8 anni, presso il Dipartimento di Etologia dell'Università Eotvos Lorand di Budapest, Ungheria, il 5 gennaio 2022. Foto scattata il 5 gennaio 2022. REUTERS /Bernadett Szabò

Gli scienziati dell’Università Eotvos Lorand in Ungheria hanno addestrato 18 canini a rimanere immobili in uno scanner cerebrale, dove sono state interpretate parti del famoso romanzo Il piccolo principe in spagnolo e ungherese.

I cani possono distinguere tra le lingue quando ascoltano le persone che parlano, hanno scoperto i ricercatori.

Gli scienziati dell’Università Eotvos Lorand in Ungheria hanno addestrato 18 canini a rimanere immobili in uno scanner cerebrale, dove sono state interpretate parti del famoso romanzo Il piccolo principe in spagnolo e ungherese.

cani partecipanti prima avevano sentito solo una delle due lingue.

I loro cervelli mostravano diversi schemi di attività a seconda che si parlasse una lingua familiare o sconosciuta, suggerendo che potevano distinguere tra le lingue.

L’autrice dello studio, Laura Cuaya, ha avuto l’idea quando si è trasferita dal Messico all’Ungheria con il border collie Kun-Kun, con cui si era parlato solo in spagnolo.Annuncio

Kun-Kun è diventato uno dei cani inclusi nell’esperimento fondamentale.

L’autore senior dello studio Attila Andics ha affermato che ciò “ha mostrato per la prima volta che un cervello non umano può distinguere tra due lingue”.

Festa della mamma : adotta un alveare

Adotta un alveare 3Bee e Polly, due progetti dal forte impatto ambientale e sociale nati in casa 3Bee, la startup che pone l’ape al centro e che è nata con  l’obiettivo di proteggere gli insetti impollinatori con la tecnologia.

(02-05-2022) Quest’anno la festa della mamma cade l’8 maggio, la seconda domenica di maggio. Come di tradizione, inizia già la corsa al regalo perfetto per festeggiare la nostra (o le nostre) mamma. Da piccoli, questo era il momento in cui a scuola o all’asilo si iniziava a preparare il pensierino per la propria mamma, magari un disegno o un lavoretto fatto a mano. Le tematiche legate alla tutela dell’ambiente sono sempre più attuali e sentite: sempre più persone, nella ricerca dei regali, desiderano coniugare l’attenzione per la natura con un regalo strepitoso e assolutamente inaspettato. 

Regala l’adozione di un alveare 3Bee e il suo miele 
Grazie alla tecnologia 3Bee, ogni adozione di alveare consente di proteggere da 1000 fino a 10 mila api produrre fino a 5kg di miele. Per un anno intero, ogni giorno, si potrà seguire direttamente dall’app di 3Bee tutti i parametri vitali delle api, leggere aggiornamenti regolari, guardare foto e video registrati in apiario direttamente dall’apicoltore. Dal calmo inverno alla turbolenta primavera, fino alla calda estate e alla progressiva ritirata autunnale l’apicoltore farà conoscere da vicino ai propri adottatori il super organismo alveare e tutte le meraviglie del mondo delle api.  
Regalare un alveare 3Bee è semplicissimo. Sul sito di 3Bee.com è possibile scegliere l’apicoltore, l’alveare e, a seconda dell’ambiente in cui le api sono stanziate, selezionare la fioritura da impollinare e quindi il miele da gustare. Con l’adozione si riceve il certificato di adozione personalizzato e le credenziali per accedere all’app 3Bee, dove monitorare 24/7 a distanza il proprio alveare per un anno intero. Questo consente di instaurare un rapporto diretto tra apicoltore locale e consumatore finale.  Al termine della stagione apistica, sempre nel rispetto dei tempi di produzione delle api, si riceve direttamente a casa, un barattolo del miele scelto e prodotto dalle api dell’alveare adottato.  Un miele 100% made in Italy e proveniente da filiera controllata. Sono oltre 40 le varietà di miele presenti sul sito: dal classico miele di millefiori e castagno fino ai mieli rari come il miele di ailanto e di rododendro. Adotta un alveare 3Bee è quindi un regalo attento all’ambiente, che permette di sostenere realtà apistiche italiane virtuose e le loro api, sorprendente e che dura nel tempo. 
Scopri di più su www.3bee.com/regala-un-alveare/ 

Regala una Polly, l’ape gentile 
Polly House è una casetta per impollinatori selvatici da installare in giardino o sul balcone di casa. La casetta, costruita grazie al lavoro di una cooperativa di ragazzi diversamente abili, può essere acquistata da sola o provvista di 25 bozzoli di Osmia Rufa. Una volta schiusi, daranno vita ad api solitarie che si occuperanno dell’impollinazione di piante e fiori di giardini, balconi e prati. La casetta sarà il loro rifugio, dove deporranno le uova che diventeranno a loro volta nuove api. Creando un rifugio sicuro per questi impollinatori si da una mano a loro e alla biodiversità che ci circonda. 
Polly è un progetto con un duplice obiettivo. Da una parte, 3Bee vuole creare impatto ambientale, contribuendo attivamente alla protezione e al popolamento delle api solitarie, insetti impollinatori fondamentali per il nostro ecosistema. Dall’altra, la startup vuole creare impatto sociale attraverso la collaborazione con la Cooperativa Andirivieni di ragazzi diversamenti abili. Scopri di più qui: https://www.mypolly.it/

Sostenibilità e attenzione per l’ambiente, gli apicoltori e le api 
Questi due progetti dal forte impatto ambientale e sociale derivano da 3Bee, la startup che pone l’ape al centro e che è nata con  l’obiettivo di proteggere gli insetti impollinatori con la tecnologia. Dall’anno della sua fondazione, nel 2017, 3Bee ha dotato quasi 2 mila apicoltori della sua tecnologia innovativa permettendo loro di intervenire in modo rapido e mirato sulle api, preservandone la salute e limitando la moria. In particolare, sono i sensori bio-mimetici installati nell’alveare che permettono di monitorare spettro sonoro, temperatura interna ed esterna, umidità e peso. I dati vengono inviati sull’app 3Bee consultabile in qualsiasi momento non solo dagli apicoltori che se ne prendono cura ogni giorno, ma anche da tutti coloro che decideranno di adottare uno o più alveari.  Sostenere il prezioso lavoro degli apicoltori locali,  diffondere consapevolezza sull’importante ruolo delle api per la biodiversità e affiancare all’impatto ambientale quello sociale sono i valori che guidano da sempre 3Bee. 

***
3Bee
3Bee è la startup agri-tech fondata nel 2017 da Niccolò Calandri e Riccardo Balzaretti per proteggere le api e migliorarne la qualità di vita. La startup ha sviluppato HiveTech, un alveare 4.0 che consiste in una rete di sensori IoT, i quali, posizionati all’interno dell’alveare, monitorano il benessere delle api permettendo agli apicoltori di ridurre i trattamenti, diminuire le visite nell’apiario. Dalla sua nascita 3Bee ha sviluppato una rete di oltre 3.000 apicoltori in tutta Italia in cui ha installato i propri sensori e ha dato vita all’iniziativa “Adotta un Alveare” dedicata a privati e imprese. Per queste ultime ha ideato un programma di Sostenibilità ed Educazione ambientale e sociale – Pollinate the Planet – che dal suo lancio ha permesso di proteggere 150 milioni di api. www.3bee.com