Storia dello Schnauzer

le tre taglie oggi

Non esiste una registrazione scritta precisa della storia dello Schnauzer . Nel corso degli anni, gli esperti di razze canine hanno discusso molte teorie ma nessuno sa esattamente come e quando sia stato creato lo Schnauzer.

Molti articoli male informati compaiono su altri siti web. Dopo molte ricerche che coprono molte fonti, ecco la versione più credibile della vera storia dello Schnauzer:

Lo Schnauzer è nato nella Germania meridionale nel XIV o XV secolo. A quei tempi commercianti e contadini percorrevano le campagne con carri carichissimi vendendo le loro merci e i loro prodotti ai mercati.

Avevano bisogno di un cane di taglia media e versatile che fosse abbastanza forte da proteggere il carrello, ma abbastanza piccolo da adattarsi facilmente allo stesso carrello.

Questi uomini pratici volevano anche un buon cacciatore per tenere a bada i parassiti a casa.

storia dello schnauzer - pinscher a pelo duro
Pinscher a pelo duro

Gli allevatori coinvolti nella storia dello Schnauzer probabilmente hanno incrociato il barboncino tedesco nero e il Wolfspitz grigio con più di un pizzico di Pinscher a pelo duro (aka Pinscher grezzo) per creare il primo Schnauzer.

Questo “prototipo” di medie dimensioni somigliava più da vicino allo Schnauzer standard di oggi e ha stabilito la razza come cane da lavoro.

Schnauzer nell’art

C’è una statua nel Meclemburgo, in Germania, risalente al XIV secolo di un cacciatore con uno Schnauzer accovacciato ai suoi piedi. Lo Schnauzer appare di nuovo in una statua del 1620 chiamata “The Night Watchman” a Stoccarda, in Germania.

È un dato di fatto che la razza sia presente anche in diversi dipinti di Albrecht Durer (1471-1528). Probabilmente possedeva lui stesso uno Schnauzer, poiché ha realizzato diversi dipinti di quello che sembra lo stesso cane in diverse fasi della sua vita.

Un arazzo del 1501 chiamato Corona di Spine – di Lucas Cranach il Vecchio – conteneva anche un cane che sembrava sospettosamente uno Schnauzer. Anche altri artisti famosi, come il maestro olandese Rembrandt (17° secolo) e l’inglese Joshua Reynolds (1723-1792) dipinsero Schnauzer.

Origine del nome

La parola Schnauzer dovrebbe essere pronunciata “sh-now-tser” con la Z tedesca che suona come TS – come in Mozart, che si dice “Motsart”.

Deriva dalla parola tedesca “Schnauze” che significa muso. Questo ovviamente si riferisce ai meravigliosi baffi sul muso che sono il marchio di fabbrica di tutti gli Schnauzer e conferiscono loro un aspetto così indimenticabile.


Pinscher a pelo duro

Agli albori della storia dello Schnauzer in Germania, i primi Schnauzer come li conosciamo venivano chiamati Pinscher a pelo duro.

Alla 3a Mostra Internazionale Tedesca del 1879, furono presentati tre Pinscher a pelo duro, di proprietà di C. Berger di Würtemburg.

Il vincitore è stato un cane chiamato “Schnauzer”. Da quel momento in poi, tutti i cani di questa razza furono chiamati Schnauzer.

L’albero genealogico della storia dello Schnauzer, mostrato di seguito per gentile concessione dell’AKC, delinea le diverse razze canine utilizzate per sviluppare i tre tipi di Schnauzer:


È interessante notare che, sebbene ora non assomiglino per niente, i moderni Schnauzer e Pinscher condividono gli stessi antenati.

Gli originali Pinscher con rivestimento liscio sono stati allevati l’uno con l’altro per dare l’elegante mantello degli odierni Pinscher in miniatura e Doberman. I Pinscher a pelo duro sono stati allevati appositamente per dare il mantello ruvido degli Schnauzer moderni.


Soldati di ritorno

A metà del 19° secolo, gli allevatori di cani tedeschi iniziarono a mostrare interesse per questa versatile razza autoctona. In questo periodo i cani di taglia media venivano incrociati anche con altre razze per creare lo Schnauzer nano e, successivamente, lo Schnauzer gigante.

Anche se potrebbe essercene stato importato uno strano in precedenza, i primi Schnauzer furono portati nel Regno Unito e in America intorno al 1900.

Probabilmente furono portati in Inghilterra e nel Nuovo Mondo come amati animali domestici delle famiglie di immigrati, nonché da viaggiatori e commercianti che tornavano a casa.

Durante la prima guerra mondiale, gli Schnauzer standard furono usati come cani da guardia dall’esercito tedesco e vettori di spedizione dalla Croce Rossa.

Il campione Schnauzer Nero

Furono, tuttavia, i soldati di ritorno dalla prima guerra mondiale a riportare in patria gli Schnauzer in numero maggiore. Questi combattenti ammiravano molto il coraggio e lo spirito di questi cani.

Storia dello Schnauzer miniatura

Lo Schnauzer nano fu esposto come razza distinta già nel 1899.

Si pensa che sia stato derivato dall’allevamento del più piccolo degli Schnauzer standard con Affenpinschers, Spitz grigio e barboncini neri in un programma di allevamento altamente selettivo.

Quattro miniature importate dalla signora M. Slattery dell’allevamento Marienhof nel 1924 furono il ceppo di base per la razza in America.

Gli Schnauzer miniatura furono registrati per la prima volta come razza separata nel 1926. L’anno successivo il primo campione americano fu Ch. Mosè Taylor. Questo è stato un onore condiviso con Don v. Dornbusch, poiché entrambi hanno vinto lo stesso giorno, ma in spettacoli diversi.

Da allora la popolarità dello Schnauzer nano è aumentata vertiginosamente elevando il cane a una delle razze più popolari in America.

Storia dello Schnauzer gigante

Lo Schnauzer gigante è stata l’ultima di tutte e tre le razze di Schnauzer ad essere creata.

In Germania il “Riesenschnauzer” (che letteralmente significa Snouter gigante in tedesco!) era inizialmente allevato e utilizzato per guidare bovini e ovini. Era anche usato come cane da guardia.

Nel libro del 1928 sulle razze canine tedesche, E. von Otto afferma che il padre dei Giganti era il grande “orso Schnauzer” di Monaco. Questa era una razza di cane con lunghi capelli arruffati imparentata con il vecchio cane da pastore tedesco.

Questo è stato probabilmente incrociato con l’Alano nero, dando forza e potenza al Gigante, oltre che l’istinto di protezione.

Von Otto scrisse anche: “nel suo aspetto generale e nella sua natura meravigliosa ha una fortissima somiglianza con il Bouvier des Flandres”. Questa era un’altra razza di cane sviluppata per guidare il bestiame, ma la cui intelligenza, forza e versatilità sono state utilizzate da allora in molti usi.

L’Odivane Kennel di Mary Moore è stato uno dei primi importatori di Giants nel Regno Unito, mentre la razza è stata importata negli Stati Uniti negli anni ’30.

Tuttavia, fino agli anni ’60 c’erano ancora meno di 50 Schnauzer giganti registrati in America all’anno.

Con l’allevamento selettivo e l’importazione da allevamenti di successo, nonché il passaparola della razza, la popolarità dello Schnauzer gigante è aumentata notevolmente negli ultimi 40 anni.

Schnauzer standard

Versatilità

Lo Schnauzer standard è conosciuto come il cane con il cervello umano ed è l’originale di tutti e 3 i tipi di Schnauzer.

Lo Schnauzer, come viene semplicemente chiamato nel Regno Unito – o ‘Mittelschnauzer’ in Germania – è stata una celebre razza europea risalente al 14° o 15° secolo.

Sono originari della Germania meridionale, dove sono stati allevati per la loro versatilità. Questo cane atletico teneva i topi fuori dalla stalla, faceva la guardia all’aia, ai carri dei commercianti e al bestiame.

Durante la prima guerra mondiale, gli standard furono usati come cani da guardia dall’esercito tedesco e vettori di spedizione dalla Croce Rossa. Fu solo dopo la guerra che furono importati per la prima volta in America in qualsiasi numero.

Nonostante sia l’originale, lo Stendardo non è così conosciuto come i suoi cugini Schnauzer miniatura e Schnauzer gigante. La razza è solo la 107a più popolare negli USA, rispetto alla Miniature al numero 11 e alla Giant a 83.


Aspetto esteriore

Lo Schnauzer standard è un cane di taglia media. I maschi sono alti circa 18-20 pollici alle spalle con le femmine più piccole di circa un pollice. Pesano da 30 a 50 libbre.

Questa è una razza robusta e muscolosa con un aspetto elegante quando viene curata. Ha la classica forma “squadrata” dello Schnauzer con l’altezza alle spalle quasi uguale alla lunghezza del corpo.

Come tutti gli Schnauzer, anche lo Standard ha la barba folta e le sopracciglia folte.

La quantità di peli sul viso varia da cane a cane. Non essere deluso se il tuo cucciolo di Schnauzer non si fa crescere subito la barba folta. Come gli uomini, devono raggiungere la maturità prima di poter crescere una folta barba!


Il cappotto

Lo Stendardo, come lo Schnauzer Gigante e Miniatura, ha un doppio mantello. Il mantello esterno è duro e ispido e copre uno strato più morbido al di sotto.

Dovresti spazzolare il tuo cane a casa almeno una volta alla settimana e mandarlo dal toelettatore per essere spogliato o tagliato circa ogni 8-10 settimane, a seconda di quanto velocemente crescono i suoi capelli.

schnauzer standard neroGli Schnauzer standard sono disponibili solo in due colori –

  • pepe e sale
  • nero solido

Sono considerati –
ipoallergenici e non perdono pelo
e quindi più adatti a persone allergiche.


Caratteristiche della razza

Sebbene la razza sia universalmente nota per il suo aspetto atletico, squadrato e il muso barbuto, le caratteristiche specifiche della razza variano da paese a paese.

Negli Stati Uniti e in Canada, lo Schnauzer standard è classificato nel gruppo di lavoro. Nel Regno Unito il cane è mostrato nell’Utility Group.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.