La cacca di cane costituisce una parte significativa della dieta delle volpi

Secondo uno studio, la cacca di cane costituisce una parte significativa della dieta delle volpi rosse che vivono nelle pinete delle Highlands scozzesi.

I ricercatori hanno scoperto che le feci dei cani hanno un contenuto calorico simile alle prede selvatiche delle volpi.

Ma è molto più facile “cacciare” – con le volpi che si cibano soprattutto quando le prede selvatiche scarseggiano.

Lo studio ha affermato che era senza precedenti per una specie mangiare le feci di un’altra in quantità così grandi.

Ha scoperto che il DNA del cane domestico era la seconda specie più frequente trovata nei campioni di feci di volpe, a circa il 40%.

Sono state prese in considerazione diverse teorie sul motivo per cui questo fosse il caso, inclusa una possibile confusione tra il DNA di volpe e cane poiché i due sono strettamente correlati.

Importante fonte di cibo

Ma i ricercatori alla fine hanno concluso che la cacca di cane era diventata un’importante fonte di cibo per le volpi in tempi di scarsità.

Hanno affermato che le feci dei cani possono avvantaggiare le volpi rispetto ai loro concorrenti o alle specie di prede, proprio come le mangiatoie per uccelli nei giardini vanno a beneficio di alcune specie di uccelli mentre altre vengono spostate.

Inoltre, la disponibilità di feci canine e il loro consumo da parte degli animali selvatici crea rischi di trasmissione di malattie e parassiti e di introduzione di nuovi agenti patogeni.

Sottolinea inoltre come il comportamento delle volpi che vivono nelle pinete dei Cairngorms possa essere influenzato dalle visite degli esseri umani e dei loro animali domestici – e in particolare quanto fosse importante per i dog sitter smaltire correttamente le feci dei cani.

Lo studio è stato una collaborazione tra scienziati dell’Università di Aberdeen, l’Università delle Alpi di Grenoble, Forestry and Land Scotland e Cairngorms Connect ed è stato pubblicato sulla rivista Ecology and Evolution.

Inizialmente si era proposto di esaminare la dieta di volpi e martore per capire meglio come i due predatori riescano a convivere nelle pinete pur avendo abitudini alimentari molto simili.

Cristian Navarro, uno studente di dottorato presso l’Università di Aberdeen che è stato uno dei coautori del rapporto, ha dichiarato: “Il fatto che le volpi consumino feci di cane nelle quantità che abbiamo trovato non ha precedenti.

“È noto che i conigli e altre specie affini consumano le proprie feci, ma il consumo delle feci di un’altra specie è stato raramente documentato e probabilmente rappresenta un’interazione trascurata tra gli animali selvatici.

“Questo fenomeno non sarebbe rilevabile attraverso i metodi tradizionali di studio della dieta, ma utilizzando tecniche basate sul DNA il nostro studio ha rivelato per la prima volta questa interazione, portando a importanti domande su come le attività umane stanno influenzando la fauna selvatica”.

FONTE DOG NEWS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.