Bulldog inglese:È necessaria un’azione urgente sull’allevamento

I Bulldog inglesi devono essere allevati con caratteristiche fisiche più moderate, poiché un nuovo studio riporta che la razza è significativamente meno sana rispetto ad altre razze di cani. I Bulldog inglesi sono maggiormente a rischio di malattie respiratorie, oculari e cutanee a causa delle loro caratteristiche fisiche estreme, tra cui museruole accorciate, pelle piegata e corpo tozzo, riporta l’articolo pubblicato sulla rivista Canine Medicine and Genetics . Gli autori sostengono che gli standard di razza Bulldog inglese dovrebbero essere ridefiniti verso caratteristiche più moderate, senza le quali potrebbe esserci il rischio che l’allevamento di questo tipo di cane sia vietato nel Regno Unito.

Il Bulldog inglese è stato originariamente sviluppato come cane muscoloso e atletico per la corrida, ma nel corso degli anni è stato allevato per essere una razza da esposizione e da compagnia con un cranio corto (brachicefalico), mascella sporgente, pieghe della pelle e corporatura tozza e pesante . Questo fisico è stato collegato a diverse condizioni di salute e paesi come i Paesi Bassi e la Norvegia hanno limitato l’allevamento dei Bulldog inglesi negli ultimi anni.

Gli autori del Royal Veterinary College (Hertfordshire, Inghilterra) hanno confrontato i rischi di disturbi comuni nei Bulldog inglesi con quelli di altri cani analizzando i record degli studi veterinari in tutto il Regno Unito dal 2016 utilizzando il database VetCompass.

Dan O’Neill e colleghi hanno valutato i record di un campione casuale di 2.662 Bulldog inglesi e 22.039 cani che non erano Bulldog inglesi e hanno scoperto che i Bulldog inglesi avevano il doppio delle probabilità di essere diagnosticati con almeno un disturbo rispetto ad altri cani. La razza ha mostrato predisposizioni per 24 su 43 (55,8%) disturbi specifici.

I Bulldog inglesi avevano un rischio 38,12 volte maggiore di sviluppare dermatite delle pieghe cutanee rispetto ad altri cani. Avevano anche un rischio 26,79 volte maggiore di sviluppare una condizione dell’occhio chiamata ghiandola della membrana nittitante prolassata (chiamata anche “occhio di ciliegio”), in cui la terza palpebra del cane sporge come una massa gonfia rossa nell’occhio inferiore. I bulldog inglesi erano anche a rischio 24,32 volte maggiore di prognatismo mandibolare (dove la mascella inferiore è troppo lunga rispetto alla mascella superiore) e 19,20 volte a rischio di sindrome delle vie aeree ostruttive brachicefale (che può portare a gravi problemi respiratori) rispetto ad altri cani .

Al contrario, i Bulldog inglesi erano a rischio ridotto di alcune condizioni come malattie dentali, soffio cardiaco e infestazione da pulci rispetto ad altri cani.

Gli autori riferiscono inoltre che solo il 9,7% dei Bulldog inglesi in questo studio aveva più di otto anni rispetto al 25,4% di altre razze canine. Ciò supporta l’idea che una vita più breve nei Bulldog inglesi sia legata alla loro salute generale peggiore, suggeriscono gli autori.

L’autore dello studio Dan O’Neill ha dichiarato: “Questi risultati suggeriscono che la salute generale del Bulldog inglese è molto inferiore a quella di altri cani. Tuttavia, la cosa più preoccupante è che così tante delle condizioni di salute di cui soffrono i Bulldog inglesi, come poiché la dermatite delle pieghe cutanee e i problemi respiratori, sono direttamente collegati alla struttura estrema dei loro corpi per cui sono stati allevati selettivamente.

“Data la continua popolarità della razza, la forma del corpo dei tipici Bulldog inglesi da compagnia dovrebbe essere ridefinita verso caratteristiche fisiche più moderate. Ciò non solo migliorerà la salute dei cani, ma potrebbe anche consentire al Regno Unito di evitare di seguire altri paesi nel bandire il Bulldog inglese per motivi di benessere”.

Gli autori suggeriscono che la ricerca futura potrebbe confrontare la predisposizione ai disturbi tra Bulldog inglesi con caratteristiche fisiche più moderate rispetto a quelli con un fisico estremo al fine di valutare i potenziali guadagni di benessere dall’allevamento per caratteristiche meno drastiche.


Fonte storia:

Materiali forniti da BMC (BioMed Central) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.