Un altro cane delle Fiandre

Lo Schipperke ha un atteggiamento da cane grande in un pacchetto da cane piccoloDI MJ NELSON

Sebbene la razza ritratta nella versione cinematografica belga dello strappalacrime di Marie Louise de la Ramée del 1872 “A Dog of Flanders” sia un Bouvier, c’è un’altra razza delle Fiandre che avrebbe potuto benissimo essere Patrasche. 

Leale, affettuoso e protettivo nei confronti della sua famiglia, uno Schipperke avrebbe potuto fare un lavoro altrettanto buono se non migliore nel prendersi cura del giovane protagonista del romanzo, Nello. Sebbene a 16 libbre, lo Schip potrebbe non essere stata la scelta migliore come cane da tiro per trasportare il latte del ragazzo ai suoi clienti. 

Lo Schipperke è un’antica razza, molto probabilmente risalente al XV secolo. Anche se nessuno sa davvero come o da quali razze potrebbe essersi sviluppato lo Schipperke, la teoria generalmente accettata è che la razza sia iniziata con il Leauvenaar, un pastore belga ormai estinto. Nel 14° secolo, il Belgio era governato dalla Francia, che, a sua volta, era governata dalla Casa di Borbone, la fonte della stirpe piuttosto lunga dei re Luigi di Francia. Durante il regno dei Borboni solo l’aristocrazia poteva possedere cani di grossa taglia. Di conseguenza, i piccoli cani da pastore, uno dei quali è lo Schipperke, sono stati sviluppati per fare tutto ciò che potevano fare i cani di grossa taglia, ma erano principalmente tenuti dalle famiglie come compagni, per cacciare i parassiti e anche per tendere il gregge.

Sebbene questa sia una razza ad alta energia, con l’allenatore giusto possono fare con successo più sport, afferma Deb Bruner. 

“Adoro il loro aspetto, il loro mantello, la loro taglia, la loro facilità di manutenzione e la loro intelligenza. Amo anche la loro sicurezza e indipendenza così come la loro curiosità. Sono animali fantastici e molto divertenti”, afferma Bruner, il cui attuale capo è Schipperke Blitzen (MBISS GCh CAN Ch AGCH PACH6 Willow’s Who Will Stop The Rain? RA FDC MXP18 MXPG2 PDSP MJP18 MJPG2 PJSP PAX6 MFPB2 TQXP T2BP8 BCAT RATO NATCH, V- NATCH AA-NATCH TL-1 UL-2). “Ma i miei Schips sono molto ben socializzati e i buoni temperamenti sono qualcosa che gli allevatori di questi tempi allevano e per cui lottano”.

Tuttavia, Bruner aggiunge che “ai vecchi tempi”, le è stato detto che non era sempre così. 

“Ho scoperto che l’uso di metodi di allenamento che utilizzano un po’ di adescamento e modellatura funziona bene per Schips. Mostra loro un po’ cosa vuoi e poi vedi se offrono il tipo di comportamento che li porterà sulla strada che desideri”, suggerisce Bruner, che possiede sette Schipperke in tutto, con un pensionato e gli altri sei , alcuni dei quali sono salvataggi, praticando sport di prestazione. “Come nel caso di molte razze ‘indipendenti’, lasciare loro pensare che quello che vuoi che facciano è tutta la loro idea per uno Schip felice e addestrabile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.