Una voce per i cani quando mamma e papà si separano

Matthew Cooper, un giudice del tribunale matrimoniale di New York, esamina i suoi casi storici sui cani (inclusa una decisione che cita Lassie) dopo l’approvazione di una legge di New York che consente al tribunale di considerare il benessere degli animali domestici nei procedimenti di divorzio

due persone che litigano per un cane, ciascuna tirando al guinzaglio il cane
tutti lo vogliono…. ma lui che pensa?

Matthew Cooper sa molto di risentimento e rabbia. Lo saresti anche tu, se fossi stato giudice nel tribunale matrimoniale di New York negli ultimi tredici anni. Cooper, che si ritirerà dalla panchina il prossimo mese, sa qualcosa anche sui cani. Il suo stesso cane, Sophie, un mix di pitbull di salvataggio con un mantello rossastro, a volte entra in quella che Cooper chiama “modalità Joe Pesci completa”: “Si trasforma da un bellissimo animale amorevole a un pitbull ringhiante”. La scorsa settimana, seduto all’Hudson River Park con Sophie al suo fianco, ha preso in considerazione la nuova legge statale sulla custodia degli animali domestici, che il governatore Kathy Hochul aveva appena firmato. La legge consente ai giudici di considerare il miglior interesse dell’animale nei casi di divorzio che coinvolgono un animale domestico. In precedenza, New York trattava gli animali come proprietà da distribuire equamente, insieme ad automobili, cristalli e altri detriti matrimoniali.

Cooper, un amante dei cani, ha deciso un caso del 2013, che coinvolgeva un bassotto in miniatura di nome Joey, che è servito da modello per la nuova legge. In una carriera in cui ha presieduto migliaia di divorzi (tra cui quello di Robert De Niro e Richard Gere), questo è stato un momento clou.

“Per un po’, molte controversie sugli animali domestici sembravano coinvolgere gli Yorkies”, ha detto Cooper. “Va per fasi. Ora le controversie tendono a coinvolgere una qualche forma di Doodle”. Il suo primo caso di custodia di animali domestici (“estremamente controverso”) riguardava un Labrador retriever di nome Otis. “L’ex moglie ha affermato che il suo ex marito aveva preso Otis e si era rifiutato di farglielo vedere, e mi ha chiesto di concederle la piena custodia”, ha detto Cooper. Un certo numero di dipendenti nella camera di Cooper erano altri appassionati di cani e hanno approfondito la questione di Otis. (Un impiegato aveva un pitbull a tre zampe di nome Prince. “Sono sbalordito da quanti cani a tre zampe ci sono”, ha detto Cooper.) Ha ricordato di aver considerato attentamente la domanda se un cane è più simile a una lampada o a un essere umano essendo. (Otis morì prima che il caso fosse deciso.)

Quando Joey si presentò in un procedimento di divorzio pochi mesi dopo, Cooper era pronto. In un’opinione costellata di riferimenti a Homer, Lassie e al cane dei Jetson, Astro, ha esposto la storia della giurisprudenza canina a New York. Statistiche rilevanti: il 76% dei proprietari di animali domestici si sente in colpa per aver lasciato i propri animali a casa; il quarantuno per cento porta i propri cani in vacanza con sé; il trentotto percento telefona ai propri animali domestici in modo che le creature possano sentire le voci dei loro umani. “La grande maggioranza dei proprietari di animali domestici intervistati ha affermato che non scambierebbe il proprio animale domestico per un milione di dollari”, ha detto Cooper. “Sono rimasto colpito da questo”.

Ha concluso che agli animali domestici dovrebbe essere assegnato uno status legale speciale, da qualche parte tra un pezzo di proprietà e un membro umano della famiglia. Nel caso di Joey, ha detto: “Ho ordinato un’udienza limitata di un giorno in cui le parti potrebbero presentare la loro causa”.

L’udienza non è mai avvenuta: Joey aveva trascorso il tempo da quando la coppia si era separata vivendo felicemente con la madre dell’imputato, nel Maine; la coppia ha deciso di far mentire i cani addormentati e ha abbandonato la questione. Ma la raccomandazione di Cooper ha preso piede e da allora ha guidato gli avvocati nei casi di custodia di animali domestici a New York. Jacqueline Newman, membro del foro matrimoniale, ha dichiarato: “Ha aperto l’idea che i giudici e la legge dovrebbero considerare gli animali non come beni mobili ma come esseri viventi che hanno interessi”.

Ma come fa un giudice a determinare il miglior interesse di un animale? Il giudice Judy una volta ha giudicato un caso di custodia di animali domestici ordinando a Baby Boy, un piccolo cane bianco, di entrare in aula; il cane si precipitò al fianco dell’attore. «È il suo cane», decretò il giudice Judy. “È tutto. Porta il cane a casa”.

Nel 2000, un tribunale di famiglia a San Diego ha ordinato che uno “studio sul legame” fosse condotto da un comportamentista animale per determinare il destino di Gigi, un mix di levriero-puntatore. Una mostra, offerta dagli avvocati della moglie, era un video intitolato “Un giorno nella vita di Gigi”. Ci vollero due anni e quasi centocinquantamila dollari di spese legali perché la moglie convincesse il tribunale che Gigi dovesse vivere con lei. (La California ora ha una legge sui “migliori interessi degli animali”.)

Cooper pensa che una parte della sua eredità potrebbe risvegliare la legge di New York alla vita interiore degli animali. “Ci sono cose peggiori”, ha detto. “Sempre che non apra un vaso di Pandora di udienze prolungate, procedimenti e testimonianze sui barboncini.”

“E sì, la mia decisione si è estesa ai gatti”, ha aggiunto, anche se, personalmente, trova difficile immaginare che qualcuno possa litigare per un gatto. “Non capisco nemmeno le persone che vogliono cani di piccola taglia”, ha detto. “Invece di quelli veri che possono inseguire scoiattoli o frisbee.” Il punto principale, per come la vede lui: “Le persone possono smettere di amare il proprio coniuge a un certo punto, ma non smettono mai di amare i propri cani”. ♦

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.