Animali:patentino per cani in arrivo

Risultati immagini per cani feroci

l patentino per Cani è una misura proposta nel nuovo regolamento per la tutela degli animali

La discussione sulla nuova normativa sta per arrivare in porto, ricordiamo che sono già state approvate misure come divieto del collare a strozzo e abolizione della museruola nelle aree cani.

Nel caso in cui la normativa dovesse essere approvata definitivamente (la discussione decisiva e la votazione sono in programma il prossimo 16 gennaio), i padroni dei cani potenzialmente pericolosi dovranno frequentare un corso gratuito di tre giorni organizzato Comune, Ats e Ordine dei Veterinari.

Nella fattispecie si tratta dell’obbligo di possedere un patentino per cani per i proprietari di razze ritenute pericolose, come Pastori tedeschi, Pitbull, Rotweiler, Bull Terrier, Cane Corso e tanti altri che potenzialmente possono rivelarsi letali.

Risultati immagini per cani feroci

Verranno date delle lezioni al fine di conseguire un patentino. Durante le lezioni, i proprietari dei cani pericolosi apprenderanno una serie di nozioni sul comportamento dell’animale, il benessere e lo stile di vita in base a razza, età e altre caratteristiche specifiche.

Naturalmente in ambito politico sono già molteplici le discussioni sul caso. Il PD si è detto favorevole, mentre Forza Italia no. Secondo quest’ultimo partito, la disposizione dovrebbe essere introdotta come un’opportunità e non come un obbligo. Nel caso in cui il comune di Milano dovesse ratificare il provvedimento, probabilmente si creerebbero delle reazioni a catena. Altri comuni infatti potrebbero prendere come esempio e decidere di fare lo stesso e scatenare un malcontento generale. Almeno in prima istanza si potrebbe pensare di renderlo facoltativo, in modo tale da permettere alle persone di avvicinarsi a quest’idea senza troppe forzature.

fonte

La coscienza degli animali

La nostra associazione ha sottoscritto il manifesto “La coscienza degli animali”, con questo faremo parte di una grande comunità che tutela la vita e la sopravvivenza di questi straordinari amici.

LA COSCIENZA DEGLI ANIMALI
Eccone il testo in sintesi:
 
 Il rispetto per la Vita è una delle grandi conquiste dell’uomo, è un segno di civiltà.
E la Vita non è solo la “nostra” Vita, ma anche quella di tutto ciò ch
circonda.
Chi rispetta la Vita deve rispettarne ogni forma.
Chi è crudele con gli animali lo è anche con gli esseri umani.
Gli animali hanno un elevato livello di consapevolezza, coscienza,
sensibilità e molti di loro hanno la capacità di sviluppare sentimenti. 
Il primo diritto degli animali è il diritto alla vita.
Infliggere loro sofferenze per crudeltà, o peggio per divertimento, è un

atto di violenza e un segno di arretratezza morale che non fa parte del mondo civile.
Per questo è necessario porre un freno al massacro degli animali nella
stagione venatoria, fino alla totale abolizione della caccia. Non è degno di un Paese civile uccidere per sport, spesso con metodi crudeli, esseri
viventi ignari e indifesi.
Per questo va eliminata la inumana detenzione di animali nei circhi e
negli zoo.
Per questo va drasticamente vietata l’importazione di animali esotici da
altri Paesi e continenti.
Per questo va promosso uno stile di vita “veg” e va cancellata la ferocia degli allevamenti intensivi, che sono una vergogna per la nostra civiltà.
Per questo deve essere sempre vietato il feroce sgozzamento degli animali da macello senza stordimento e la conseguente agonia per
dissanguamento.
Per questo vanno abolite tutte le feste e i palii che sfruttano gli animali.
Per questo va vietata la vivisezione, che è priva di reale validità
scientifica.
Per questo va impedito l’allevamento, la cattura e l’uccisione di animali
da pelliccia
E va punito l’abbandono degli animali domestici, la loro detenzione in
condizioni degradanti ed il loro maltrattamento.   
Gli animali nascono uguali davanti alla Vita e per questo hanno il diritto di essere rispettati.

Rispettando gli animali, rispettiamo noi stessi, la natura di cui facciamo parte e, soprattutto, rispettiamo il valore della Vita.

Siete d’accordo con noi? Scrivetecelo su FB

Modifica

Al tuo cane piace scavare? Scopri perchè

La maggior parte dei comportamenti dei cani sono il prodotto dell’istinto o un comportamento appreso. Lo scavare non fa eccezione: è un istinto. Ci sono alcune razze come Terrier e Bassotti, ad esempio, che sono più portate a questo tipo di comportamento.

Risultati immagini per CANE SCAVA

cani scavano per una serie di motivi.

  • I cani scavano perché si annoiano. Se il tuo cane non fa abbastanza attività per un periodo di tempo, potrebbe scavare solo per qualcosa da fare. Gioca con lui o forniscigli dei giocattoli da masticare o cui tenersi attivo.
  • Lo scavo è spesso usato come mezzo di fuga. Il tuo cane potrebbe voler lasciare un cortile recintato perché ci sono molte altre cose interessanti da fare altrove.
  • Se hai un cane non sterilizzato, potrebbe scavare per fuggire e andare in cerca di un altro cane con cui accoppiarsi.
  • I cani sono grandi risparmiatori. Seppelliranno ossa o altri dolcetti “per una giornata piovosa” quando potrebbero averne bisogno.
  • Ogni cane può scavare per creare una tana. Una cagnolina può scavare con l’intento di realizzare un “nido” per i suoi cuccioli, che sia incinta o no.

Insegnare al cane a non scavare

Come fermare il mio cane che scava in continuazione? Il trucco è cercare di capire l’origine di questo comportamento e correggerlo partendo da alcune cose molto semplici che puoi fare. Ecco alcune soluzioni generali:

  • Indica al tuo cane un posto dove gli è permesso scavare. Un buon posto è una zona sabbiosa, un’area che è già stata scavata e in cui il terreno è morbido. Una zona sabbiosa ha il vantaggio di essere molto più facile da pulire.
  • Una volta trovato questo posto, seppellisci un premietto e porta il tuo cane nell’area in cui gli è permesso scavare. Lodalo quando scopre la sorpresa. Ripeti questo gesto fino a quando il comportamento non viene appreso. Se lo sorprendi a scavare in un’area inappropriata, dì “no!” e poi portalo nell’area desiderata e dì “scava”, seguito da lodi se scava. Questa formazione può richiedere diversi giorni.
  • Impediscigli di scavare in aree inadeguate. Ci sono molti modi diversi per farlo e esistono anche prodotti che creano un profumo ripugnante per gli animali o che interferiscono con l’olfatto dell’animale. Alcuni prodotti possono essere utilizzati direttamente su piante ed erba, altri no.

Lo scavo, sebbene profondamente radicato, può essere disimparato. Sii coerente e sarai in grado di trovare una soluzione.

FONTE

Baffi d’argento, un hospice per cani anziani

I cani invecchiano, i cani, come noi diventano fragili e hanno bisogno di un riparo, i cani come noi, se ne vogliono andare con qualcuno che tenga loro la zampa. Ecco una bella soluzione nata nel Lazio.

Baffi d’argento ha avviato le sue attività da poco più di un anno. È la prima struttura in Europa che accoglie e accudisce cani anziani rimasti orfani della loro persona. Si trova a pochi chilometri da Bracciano e nasce dall’idea e dall’amore dell’etologa Daniela Salvi e dell’educatrice cinofila Clara Di Silvio. Si tratta di un hospice nel quale ci si prende cura degli amici a quattro zampe in lutto, molto spesso vecchi e malati, che altrimenti verrebbero abbandonati o sarebbero tristemente destinati al canile.

ECCO L’HOSPICE CHE ACCOGLIE I CANI ANZIANI, UNA SCELTA DI CIVILTA’

Il grosso impegno di questa casa di riposo è così volto a recuperare il cane dalla perdita della persona deceduta, a curarlo e ad accompagnarlo all’interno di un contesto familiare e casalingo verso la morte. L’hospice che oggi accoglie 19 cani si estende su un ampio parco dotato di paddock e casette mentre all’interno dispone di ampi spazi individuali nei quali gli ospiti possono trascorrere le ore del riposo e quelle notturne.

La Onlus Baffi d’argento, costituitasi per rendere operativo l’hospice, non beneficia di alcuna sovvenzione e per sostenere le spese mediche, quelle alimentari e quelle strutturali offre servizi di toelettatura e training per cani e conta molto nelle donazioni o nelle adozioni a distanza dei privati

fonte