E’ NATO VET ON LINE, PRENDETE NOTA

Video Consulto veterinario online

Vetonline24 nasce dall’idea di alcuni veterinari, professionisti e iscritti all’albo, di offrire assistenza e  supporto qualificato per la salute degli animali e per la serenità dei loro padroni.

Perchè Vetonline24?

 Abbiamo realizzato un network di medici veterinari in cui ogni professionista eroghi, attraverso la piattaforma :

– contenuti di qualità in tutti i formati, da consultare secondo necessità per essere sempre aggiornati, per soddisfare specifiche curiosità sul mondo animale, per trovare soluzioni a problematiche o dubbi sui nostri amici;
– assistenza immediata e qualificata attraverso il videoconsulto veterinario online, con un medico sempre pronto e disponibile, ovunque vi troviate, a dare i migliori suggerimenti per la salute e il benessere del vostro animale.

Punti di forza di Vetonline24

COMODO
Il sistema “Veterinario online” permette di evitare  stressanti spostamenti e file in ambulatorio, per te e il tuo amico.

ECONOMICO

Primo test gratuito, 12 euro per un video consulto/consulenza veterinaria online.

EFFICIENTE

24 ore su 24, notte e weekend.

PROFESSIONALE

Tutti i veterinari di Vetonline24 sono medici iscritti all’albo e con esperienza: per il tuo animale sempre il meglio!

Vetonline24, non opinioni qualsiasi, ma consigli e cure professionali

Fai un test gratuito

Codice Etico e di Comportamento di LGF Srl
Scarica in Formato PDF >

 Telemedicina

Leggi il Documento del Ministero della Sanità sulla Telemedicina
Scarica in Formato PDF >

Inizia Ora!

Animali e caldo, come affrontare l’estate in sicurezza

Ci risiamo. Il caldo è arrivato e, per essere sicuri di non farci trovare impreparati, l’Ente Nazionale Protezione Animali ci ricorda le piccole precauzioni da prendere per godersi l’estate insieme ai nostri animali. Cani e gatti, infatti, non sudano come noi e, per abbassare la loro temperatura corporea (già normalmente intorno ai 38,5°), aumentano i ritmi respiratori. Inoltre, proprio come noi, sono soggetti a scottature solari.

Come capire l’età del tuo cane

Se possiedi un cane , hai sentito questa regola: 1 anno per Fido equivale a 7 anni per te. Si scopre che la matematica non è così semplice. I cani maturano più rapidamente di quanto facciamo presto. Quindi il primo anno di vita del tuo amico fuzzy è pari a circa 15 anni umani.

Anche le dimensioni e la razza giocano un ruolo. I cani più piccoli tendono a vivere più a lungo di quelli più grandi, ma possono maturare più rapidamente nei primi anni di vita. Un cucciolo enorme potrebbe invecchiare più lentamente all’inizio, ma avvicinarsi alla mezza età a 5 anni. Le razze piccole e giocattolo non diventano “anziani” fino all’età di 10 anni. I cagnolini di media taglia sono da qualche parte nel mezzo in entrambi i casi.

tabella di età dei cani

tabella di età dei cani


Se hai adottato un cucciolo o un cane ma non conosci la sua storia, potresti non sapere quanti anni ha. Anche se non conosci la data di nascita, puoi ancora indovinare la sua età.

I suoi denti dovrebbero darti un’idea approssimativa della sua età. Queste linee guida varieranno da cane a cane e dipendono anche dal tipo di cure odontoiatriche (se presenti) che aveva prima di averla.

Entro 8 settimane: tutti i denti da latte sono dentro.
Entro 7 mesi: tutti i denti permanenti sono dentro e sono bianchi e puliti.
Entro 1-2 anni: i denti sono più opachi e i denti posteriori possono presentare un certo ingiallimento.
Entro 3-5 anni: tutti i denti possono presentare accumulo di tartaro e usura dei denti.
Entro 5-10 anni: i denti mostrano più usura e segni di malattia.
Entro 10-15 anni: i denti sono consumati ed è probabile che si formi un pesante accumulo di tartaro. Alcuni denti potrebbero mancare.
Il veterinario può anche indovinare la sua età sulla base di un esame fisico completo o di test che esaminano ossa, articolazioni, muscoli e organi interni. I cani anziani potrebbero mostrare alcuni segni specifici dell’invecchiamento.

Occhi con opacità
Peli grigi. Iniziano intorno al muso, quindi si diffonde in altre aree del viso, della testa e del corpo.
Pelle molle
Gambe rigide

“Non mi abbandonare, mi fido di te…”: campagna 2020 contro l’abbandono degli animali

Cane smarrito, vagante, abbandonato? Ecco cosa fare | Lega del Cane

Consigli e numeri utili per chi incontra un animale abbandonato o ferito

BOLOGNA – Abbandonare un animale significa molto spesso lasciarlo ad un destino incerto e a una possibile situazione di pericolo, perché si ritrova all’improvviso in un luogo sconosciuto e senza più riferimenti. Confuso, spaventato, potrebbe diventare facile vittima di incidenti.

Il fenomeno dell’abbandono degli animali è un problema durante tutto l’anno ma, d’estate, raggiunge il suo apice. Nonostante l’entrata in vigore della Legge 189 del 2004, che prevede la pena fino a un anno di reclusione per il reato di abbandono, purtroppo ancora oggi sono molti gli abbandoni di animali e si registra un particolare incremento degli abbandoni di gatti.

La campagna di sensibilizzazione

Il Comune di Bologna propone, anche quest’anno, una campagna di sensibilizzazione contro l’abbandono degli animali. Lo slogan è “Non mi abbandonare…mi fido di te”. La campagna, oltre che per scongiurare l’abbandono, serve anche a ricordare alcune raccomandazioni e numeri utili nel caso di ritrovamento per chi si dovesse imbattere in un animale abbandonato o ferito e debba soccorrerlo. Testimonial della campagna, che prevede affissioni di manifesti per tutta la città e distribuzione di volantini in luoghi pubblici, sono Black e Nené un cane e una gatta ospitati nel Canile/Gattile municipale e in attesa di essere adottati.

I consigli

È importante sapere che è possibile aiutare il cane o il gatto abbandonati non restando indifferenti e mettendo in pratica una serie di azioni per salvarli e far si che qualcuno gli adotti.

L’abbandono sul territorio è un fenomeno complesso che include gli animali smarriti, gli abbandoni veri e propri da parte di residenti o la presenza o l’introduzione di animali abbandonati provenienti da altri territori.

Cosa puoi fare se incontri un animale abbandonato?

Se l’animale è avvicinabile, prova ad approcciarti a lui in modo dolce, mantenendo un tono di voce rassicurante e verifica se ha la medaglietta.

Chiama subito il Canile/Gattile municipale per il recupero dell’animale ed il suo trasferimento in struttura. Gli operatori saranno in grado di rilevare l’eventuale microchip e risalire al proprietario.

Se non riesci a contattare il Canile/Gattile municipale chiama la Polizia Locale.

Se avvisti un animale abbandonato su autostrade o strade a lunga percorrenza, contatta subito la Polizia al 113. È importantissimo riferire se l’animale è ferito.

Cosa puoi fare se incontri un cane o un gatto feriti?

Contatta immediatamente il Servizio Veterinario dell’Azienda USL o, in alternativa, chiama il Canile/Gattile municipale.

Non sempre i gatti sul territorio sono animali abbandonati: alcuni sono gatti di colonia regolarmente censiti e spesso hanno, come segno di riconoscimento, un taglio sull’orecchio.
È molto importante considerare che non sempre un animale vagante è stato abbandonato: può essere andato a fare un giro d’esplorazione, può essersi smarrito o scappato dopo uno spavento. Occorre consegnarlo al Canile/Gattile municipale affinché vengano attivate tutte le procedure necessarie al ritrovamento di un eventuale proprietario, che magari lo sta cercando.

Per quanto riguarda gli animali selvatici incidentati o feriti, bisogna contattare la Polizia Provinciale.

Numeri Utili

Canile/Gattile municipale di Bologna e Castel Maggiore: via Bacialli 20, Trebbo di Reno, Castel Maggiore (BO): 051 6325537
Polizia Locale: 051 266626
Servizio Veterinario dell’Azienda USL di Bologna: 0514966301, cellulare 348 6023742
Carabinieri: 112
Polizia: 113
Polizia Provinciale 051 6599599

FONTE

Un passaggio a livello invisibile che salva la vita

NOEMI PENNA08 LUGLIO 2020

Un effetto sonoro impercettibile all’orecchio umano per salvare la fauna selvatica dai treni. In Giappone è stato sperimentato con successo un sistema a onde ultrasoniche in grado di tenere gli animali a distanza di sicurezza dai binari. L’idea ha vinto il Good Design Award ed è in grado di risolvere un serio problema diffuso in tutto il mondo. 

Solo nel 2016, in Giappone i treni hanno colpito la fauna selvatica 613 volte: incidenti che hanno tolto la vita a cervi, cerbiatti, volpi, così come tartarughe, causando anche blocchi e disservizi. I binari spesso tagliano interi habitat ed ecosistemi, e tenere gli animali a distanza di sicurezza era un’impresa particolarmente difficile.

Sono stati fatti diversi tentativi, dai dissuasori biologici a base di sterco di leone alle barriere fisiche con tanto di luci lampeggianti. Ma nulla si è dimostrato efficace, almeno fino alla sperimentazione di questo sistema sonoro ideato da Yuji Hikita, un dipendente di una divisione elettrica della Kintetsu Railway Co. dopo aver visto una scena straziante catturata da un video di sorveglianza sulla Osaka Line di Kintetsu. 

Una famiglia di cervi ha attraversato i binari di notte e uno dei tre cerbiatti, rimasto indietro rispetto al resto del gruppo, è stato colpito e ucciso da un treno. La madre è stata ferma a fissare il corpo straziato del figlio per 40 minuti dopo l’incidente. Hikita ha così progettato una sorta di passaggio a livello sonoro invisibile in grado di indicare agli animali, in particolare ai cervi, quando il passaggio è sicuro, quindi aperto, o pericoloso, quindi chiuso. 

Il sistema è in uso su parte della linea di Osaka, dove le onde ultrasoniche formano delle barriere temporanee nei momenti più rischiosi per gli animali, ovvero all’alba e al tramonto, ma non quando i treni sono offline durante la notte. E da quando sono in funzione, ci sono stati solo due incidenti in otto mesi. 
L’idea ora necessita di test più ampi, ma ha già attirato l’interesse di alcune compagnie ferroviarie, ma ha la potenzialità di essere facilmente utilizzabile in tutto il mondo.

FONTE